Itinerari in Asia: 5 idee per viaggi in oriente

Nell’articolo di oggi voglio condividere con voi alcune idee che mi sono passate per la testa in questi ultimi mesi. Si tratta, inutile dirlo, di idee di viaggio per conoscere questo territorio lungo percorsi paralleli alle tradizionali rotte turistiche. Gli itinerari in Asia che affronteremo attraversano la natura lussureggiante del Laos lungo le ripide salite che portano all’altopiano di Bolaven, 1200 metri di altezza dove imponenti cascate, campi di caffè e villaggi tradizionali delle tribù locali regalano l’esperienza unica di un viaggio in Asia fuori dal comune.

Plateau Bolaven, Laos, uno dei luoghi da inserire tra gli itinerari in Asia
Plateau Bolaven © Gabriele Stoia

Per chi non può fare a meno di siti archeologici e antiche rovine il percorso ad anello lungo il Lago Tonle Sap, in Cambogia, rappresenta uno degli itinerari più affascinanti di tutto il sud-est asiatico. Un’immersione totale alle origini del misterioso Regno Khmer.

Respiriamo aria pura nella vecchia stazione coloniale di Sapa in un itinerario nel Vietnam del Nord che si inerpica lungo sentieri di montagna per toccare i villaggi tribali e ritornare nella piazza principale giusto in tempo per il mercato settimanale. Un tripudio di colori, odori e dove ancora il baratto è il metodo di scambio preferito.

Consigli e proposte di viaggio in Asia, itinerari e nuove idee per la vostra prossima vacanza In Asia Travel.

Itinerario in Asia tra siti archeologici e rovine nella giungla

La Cambogia è un luogo magico se siete appassionati di archeologia. Impossibile non restare stupiti dalla quantità e dall’imponenza dei tanti siti archeologici disseminati nel Paese. Tra gli itinerari in Asia più seducenti e culturalmente affascinanti non posso non suggerire quello che prende avvio dalla città di Siem Reap, nel nord della Cambogia. A pochi chilometri dal centro si trova il grandioso complesso archeologico di Angkor.

Ma il vero punto di partenza di questo viaggio a ritroso nel tempo è situato una quarantina di chilometri a nord della città. Il tempio più antico, la città sacra per eccellenza è Phnom Kulen fatta costruire nell’802 d. C. da Jayavarman II il primo Re Montagna Khmer. È qui che tutto ha avuto inizio.

Rovine Mahendraparvata – Phnom Kulen. Da inserire in un itinerario in Cambogia (Asia)
Rovine Mahendraparvata – Phnom Kulen © Gabriele Stoia

Solo allora, dopo la visita, sarà possibile comprendere appieno il percorso architettonico, storico, artistico e religioso compiuto nel corso dei secoli dalla cultura Khmer. Sono ad esempio evidenti nei pressi di Phnom Kulen le influenze induiste con i tanti lingam e yoni disseminati tra le rocce di fiume in prossimità della città sacra. Così come il tempio di Phnom Bakheng situato all’interno dell’area archeologica di Angkor e rappresentazione simbolica, ancora una volta, della montagna sacra per eccellenza della tradizione religiosa indù: il Monte Meru[1].

Il Tempio Bakong, in Cambogia
Tempio Bakong © Gabriele Stoia

Fa da cornice naturalistica, ma non solo, il lago Tonle Sap, il più grande bacino naturale del sud-est asiatico. Attorno a questo specchio d’acqua prende avvio un itinerario per conoscere la cultura e le tradizioni di coloro che vivono lungo le sue sponde mobili. A seconda della stagione il lago cresce o si riduce e le case costruite su palafitte dimostrano la capacità di adattamento degli abitanti. Da queste parti durante i monsoni la terra viene sommersa dall’acqua e ci si sposta in barca da un’abitazione all’altra.

Il Lago Tonle Sap, non può mancare in un itinerario in Cambogia
Lago Tonle Sap © Gabriele Stoia

È in questo scenario naturale che archeologia e storia si unisco e comprendiamo allora le imponenti canalizzazioni che circondano Angkor Wat, i bacini idrici (baray) ancora presenti nel tempio di Banteay Chhmar e i tanti siti archeologici inghiottiti dalla giungla come Ta Prohm e Sambor Prei Kuk. Un itinerario in Asia che sorprende per la capacità dell’antica cultura Khmer di modellare il paesaggio terrestre a immagine di quello celeste.

Il Tempio Ta Phrom in Cambogia, Asia
Tempio Ta Phrom © Gabriele Stoia

Tour cronologico di Angkor e fiume dei mille lingam
5 giorni, visite ad Angkor ed escursione al fiume con i lingam incisi nella roccia

Itinerario in Asia al fiume dei 1000 lingam

Un viaggio in Asia tra villaggi tribali, cascate e caffè

Non capita tutti i giorni di svegliarsi al mattino circondati dalla lussureggiante vegetazione tropicale, con in mano una tazza di ottimo caffè e non lontano lo scroscio impetuoso di una gigantesca cascata. Sul Plateau di Bolaven si ha come l’impressione di trovarsi in un mondo sconosciuto, separato dalla piana sottostante da ripide salite, un clima fresco e un’abbondanza di corsi d’acqua, ruscelli, fiumi e cascate da eccitare anche il più consumato avventuriero. E poi c’è il caffè, i cui grani dei vari colori, a seconda del livello di maturazione, sono conservati in grandi ceste dopo la raccolta. Giù in basso, nella piana di Pakse, capoluogo della regione e punto di partenza delle esplorazioni, ci sono le piantagioni di Lao Coffee e il caldo soffocante, ma quassù incontriamo solo natura e piccoli villaggi, cittadine anonime lungo la strada.

Selezione dei chicchi di caffè, in Laos
Selezione © Gabriele Stoia

Perché in questo viaggio in Asia quello che ci interessa è assaporare la   natura nella sua bellezza più selvaggia e autentica. Le cascate gemelle di Tad Fane, con il loro salto di oltre cento metri sono così spettacolari e grandiose da rappresentare per sempre un punto di riferimento in fatto di cascate spettacolari e grandiose. Quelle di Tad Yuang non lo sono altrettanto, ma hanno il vantaggio non da poco, di essere estremamente fotogeniche e di più facile avvicinamento.

Cascata Tad Yuang, Laos
Cascata Tad Yuang © Gabriele Stoia

Il Bolaven Plateau prende il nome dagli abitanti di etnia Laven che abitano da secoli l’altopiano e sono proprio i tanti villaggi tribali disseminati in questo territorio a costituire una possibilità unica per conoscere la cultura e le tradizioni delle etnie che lo abitano. Come i villaggi delle etnie Alak, Nge e Katu contadini e allevatori in un territorio ancora oggi vocato alla coltivazione e all’allevamento e che poco a poco si sta aprendo al turismo. Di certo un itinerario in Asia al di fuori delle tradizionali rotte turistiche e che proprio per questo non può che regalare splendide e indimenticabili sorprese.

Villaggio Katu, una delle mete più autentiche per un itinerario di viaggio in Asia
Villaggio Katu © Gabriele Stoia

Il meglio del Laos
Tour 10 giorni. Cultura, archeologia e paesaggi: il meglio del Laos

Laos 10 giorni

Turismo in Asia tra mare e cultura

Questo è senza dubbio uno degli itinerari in Asia più avventurosi e suggestivi dell’articolo di oggi. Quando la nave lascia il porto di Kawthaung in direzione ovest, il mare di fronte a noi è punteggiato di una miriade di isole, impossibile contarle tutte e difficile distinguerle dai lembi della terraferma. Qui tutto è mare e terra in un arcipelago che si estende per centinaia di miglia da nord a sud lungo la costa occidentale del Myanmar. Sono oltre ottocento le isole che compongono l’arcipelago Mergui di cui venti fanno parte del Lampi National Park. Barriere coralline dove fare snorkeling, foreste di mangrovie che attraversiamo a bordo di canoe e poi l’incantevole spiaggia di Wa Ale Island dove riposare di fronte alle acque limpide e calme del mare delle Andamane. Il parco è un tripudio di biodiversità con una stupefacente ricchezza di flora e di fauna, ideale per il bird watching con le oltre 200 specie di uccelli presenti sulle isole[2].

Isola Wa Ale, in Myanmar, meta esotica per un itinerario in Asia
Wa Ale – Lampi © Peter Steyn – GlobeRovers

Tra mare e cultura, dicevamo e in questo caso la proposta di viaggio si raddoppia integrando un itinerario in Myanmar che dall’estremo sud del Paese ci porta a nord per conoscere alcuni tra i più stupefacenti esempi di architettura birmana. La Pagoda Shwedagon placcata d’oro e sormontata da una corona di rubini, diamanti e altre pietre preziose. Verso est la Golden Rock, conosciuta anche come Pagoda Kyaiktiyo, uno dei luoghi più sacri del Myanmar. Qui i pellegrini affollano la base del gigantesco masso per attaccarvi sulla superficie le sottili foglie d’oro. E poi in direzione nord il complesso archeologico di Bagan, una città nella città che per numero di costruzioni e raffinatezza architettonica può competere con l’antica Angkor.

Un itinerario del sud-est asiatico capace di regalare intense emozioni in un Paese che per il suo drammatico passato si è da poco aperto al turismo.

La pagoda Shwedagon a Yangon, in Myanmar, affascinante destinazione asiatica
Shwedagon Pagoda – Yangon © Gabriele Stoia


“Consigli utili per viaggiare in Myanmar”

Vedute rurali e trekking nel Vietnam del Nord

Quella che un tempo era un’antica stazione climatica di epoca coloniale è diventata oggi un punto di partenza lungo un itinerario che in Asia consente di toccare da vicino tradizioni e culture vecchie di secoli. A Sapa ogni settimana arrivano gli abitanti delle colline e dei villaggi circostanti per portare i loro prodotti in un tripudio di odori, colori e dialetti diversi e dove ancora oggi, come un tempo, il baratto è una delle forme di scambio utilizzata nelle contrattazioni. Del passato coloniale a Sapa è rimasta la vecchia chiesa francese, ma è sulle montagne che scopriamo l’anima più antica di questo territorio. Abitate dalle tribù H’Mong, Zday e Dao regalano spaccati unici sulla vita quotidiana locale, il tutto immerso in uno scenario indimenticabile modellato dalle montagne e dai tanti terrazzamenti per la coltivazione del riso e del mais.

Risaie a terrazza a Sapa, in Vietnam
Risaie a terrazza – Sapa © Gabriele Stoia

L’itinerario lungo la valle Muong Hoa è tra i più suggestivi e panoramici della regione con scenari da cartolina che esigono più di una sosta per catturare l’immagine perfetta. Vale comunque la pena risparmiare la batteria perché più a valle la piccola cittadina di Bac Ha con il suo mercato tribale offre un’esperienza unica di contatto con la gente del luogo. I mercati sono una tappa necessaria di un itinerario in Asia, per conoscere le culture locali. Proprio come le piazze da noi, i mercati rappresentano luoghi di aggregazione sociale, prima ancora che di transazioni economiche e in queste remote regioni del Vietnam del nord conservano ancora oggi un’atmosfera autentica, magari non proprio pulita, forse poco igienica, ma di certo la più autentica di questo territorio.

Mercato tribale – Bac Ha, Vietnam, per un itinerario etnico in Asia
Mercato tribale – Bac Ha © Gabriele Stoia

Tour nord est Vietnam
Viaggio emozionante, per scoprire gli incredibili scenari del nord est Vietnam

Dong van, per un itinerario emozionante in Vietnam

Un itinerario in Asia di due settimane

Un viaggio in Asia, in quella parte che corrisponde al sud-est asiatico, può essere l’opportunità di programmare un itinerario più ampio che consenta di visitare uno o più Paesi. I collegamenti aerei tra le varie città, i costi contenuti, molti sono i vettori low cost e la facilità di rilascio dei visti rendono davvero possibile un tour multinazione.

Un lungo viaggio in Asia per scoprire ad esempio la magia dei mercati notturni di Bangkok e il giorno dopo ritrovarsi nella giungla alla scoperta dei templi di Angkor. Allo stesso modo l’itinerario che attraversa le cascate e i villaggi tribali dell’altopiano di Bolaven può agevolmente proseguire in direzione sud verso le imponenti cateratte del Mekong e da qui attraversiamo il confine per entrare in terra cambogiana.

Come per i sogni anche per gli itinerari nel sud-est asiatico non esistono confini. Basta pianificare il vostro prossimo viaggio in Asia nel modo più sicuro e migliore possibile.

E a questo ci pensiamo noi.

Note

1 Monte Meru, https://it.wikipedia.org/wiki/Monte_Meru_(mitologia), (22 febbraio 2020).

2 Biodiversity on the Island of Wa Ale, https://www.lampifoundation.org/biodiversity, (22 febbraio 2020).


Pin It on Pinterest

Share This