Hoi An, guida alla città delle lanterne in Vietnam

È un percorso ideale quello che abbiamo seguito fino a oggi nei nostri articoli sul Vietnam e che prosegue in una guida di viaggio dedicata a Hoi An, la città delle lanterne del Vietnam centrale. Affacciata sul mar Cinese meridionale, al centro di una rotta commerciale che per secoli ha unito sud-est asiatico, Europa e Cina, Hoi An vanta alcuni degli edifici storici meglio conservati di tutta l’Asia. Le case dei mercanti cinesi e vietnamiti, ancora oggi abitate dai discendenti dei primi committenti, riflettono la raffinatezza e la ricchezza raggiunte da Hoi An a partire dal XVI secolo[1].

Hoi An, Vietnam
Hoi An, Vietnam

Templi e pagode sono ancora oggi frequentate da devoti e pellegrini, mentre i nuovi viaggiatori si perdono tra i vicoli e le strade della Città Vecchia, tra il Ponte Giapponese, capolavoro architettonico del Settecento e le locande lungo il fiume Tha Bon. Al pari della romantica Hué, un centinaio di chilometri a nord e sulla quale abbiamo scritto una guida di viaggio, la città di Hoi An conserva quell’atmosfera intima e raccolta che consente al viaggiatore di esplorarla con calma, indugiando sui sapori, gli odori e le architetture di uno dei gioielli meglio conservati del Vietnam centrale.

Un’occasione per conoscere Hoi An e organizzare cuore e pensieri in attesa del vostro prossimo viaggio in Vietnam con In Asia Travel.

Tour centro Vietnam
Huè, il Fiume dei Profumi e l’antica città mercantile Hoi An

Ponte coperto di Hoi An

Hoi An: 7 cose da vedere nella città delle lanterne

Città Vecchia

Il centro storico di Hoi An o Città Vecchia, dichiarato nel 1999 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è un concentrato di arte e storia, una testimonianza della prosperità raggiunta da Hoi An tra il XVI e il XVIII secolo. Le tante abitazioni signorili, costruite dai potenti mercanti cinesi, sono esempi raffinati di arte orientale. L’atmosfera raccolta della Città Vecchia regala scorci ideali per gli appassionati di fotografia: il Ponte Giapponese e il lungofiume, le tante pagode e templi. Le dimensioni raccolte del centro storico di Hoi An consentono di percorrerlo con agio e tranquillità. Le aree pedonali rendono la visita sicura, i tanti ristoranti e locali offrono una delle migliori offerte gastronomiche di tutto il Vietnam, mentre gli edifici storici e l’atmosfera tradizionale, non fanno di certo rimpiangere le caotiche strade di Ho Chi Minh City e Hanoi.

Veduta aerea del centro storico di Hoi An
Una veduta aerea del centro storico (o Città Vecchia) di Hoi An

La Città Vecchia di Hoi An è un piccolo gioiello che dà il meglio di sé a partire dal tramonto, quando le lanterne in seta appese agli edifici del centro storico si illuminano, conferendo a strade e vicoli quella suggestiva atmosfera per cui è conosciuta ben oltre i confini del Vietnam come la città delle lanterne.

Ponte Giapponese

L’iconica architettura del Ponte Giapponese di Hoi An costituisce uno dei simboli stessi della città. La struttura, lunga 18 metri, che un tempo collegava la parte giapponese ai quartieri cinesi[2] fu inizialmente costruita alla fine del XVI secolo, per subire ristrutturazioni e rimaneggiamenti nel corso del Settecento. Le due entrate al Ponte Giapponese sono protette da coppie di animali raffiguranti due scimmie e due cani. Tradizione vuole che le statue facciano riferimento agli anni di nascita, nel calendario cinese, di molti imperatori giapponesi. Un’altra storia, non mancano storie e leggende nella città di Hoi An, così come in tutto il Vietnam, un’altra storia dicevamo lega più prosaicamente le due coppie di animali alle date di inizio lavori, nell’Anno del Cane e di conclusione della costruzione del ponte, durante quello della Scimmia.

Best private tailor made tours in Southeast Asia and Central Asia - In Asia Travel
Cosa vedere a Hoi An: il Ponte Giapponese coperto

Una piccola e piacevole sorpresa per chi percorre i 18 metri di lunghezza del ponte. Sul lato nord, giusto a metà, si trova un piccolo tempio taoista dedicato a Tran Vo Bac De, divinità del tempo, quello meteorologico, dove ancora oggi i fedeli portano offerte e fiori.

Antica casa di Phung Hung

Costruita nel 1780, periodo d’oro per i mercanti cinesi, giapponesi ed europei che frequentavano questo importante nodo commerciale, la casa di Phung Hung di Hoi An fu utilizzata all’inizio come negozio per la vendita di spezie e tessuti. Successivamente adibita a residenza privata, è abitata attualmente dall’ottava generazione di proprietari. Un edificio storico vivente, la casa di Phung Hung, la cui architettura risente di influssi vietnamiti, cinesi e giapponesi. I dettagli sono impressionati, come le ottanta colonne in legno, intarsiate alla base con motivi a fiori di loto o gli scaffali in legno, presenti nel portico, su cui gli artigiani hanno scolpito immagini di carpe: simboli di potere e prosperità. La casa storica di Phung Hung è una vera era propria istantanea sul passato più glorioso della città di Hoi An e sull’intimità quotidiana dei commercianti che vi hanno prosperato.

Sala delle Assemblee del Fujian

Hoi An conserva numerose dimore storiche come la Sala del Fujian, spazi dove i commercianti provenienti da una stessa regione della Cina si riunivano per incontrarsi e socializzare. All’interno dell’edifico è presente un tempio, conosciuto come Tempio della Montagna d’Oro e dedicato a Thien Hau, dea dell’acqua e del mare, protettrice dei marinai. Testimonianza di quanto, i commerci via mare, fossero fondamentali per la prosperità delle comunità di mercanti che qui vivevano. La sala delle Assemblee, riccamente adornata di statue, lacche e campane in bronzo è uno spaccato, intimo e raffinato, dell’arte del Fujian in Vietnam.

Sala delle Assemblee del Fujian, uno dei luoghi da vedere assolutamente a Hoi An (Vietnam)
Sala Assemblee Tempio Fujan

Tempio Quan Cong

Il Tempio di Quan Cong, uno degli edifici più antichi della città, è dedicato all’omonimo generale cinese, vissuto durante il leggendario periodo dei Tre Regni[3]. Un gioiello architettonico costruito nella seconda metà del XVI secolo, capace di stupire e meravigliare il visitatore, accolto dall’impressionante statua del generale con il vestito scolpito in foggia di draghi. Nel tempio principale si trovano altre due statue, dedicate a Chau Thuong e Quan Binh, rispettivamente il guardiano e il servitore del generale Quan Cong. La raffinatezza delle sculture testimonia l’abilità degli artigiani cinesi, tanto quanto i pannelli laccati con mirabili intarsi, gli altari e i tanti oggetti preziosi presenti all’interno del Tempio di Quan Cong.

Pagoda Chuc Thanh

Il monaco cinese Minh Hai fondò la Pagoda di Chuc Thanh nel 1454 e da allora l’edificio sacro ha subito più di una ristrutturazione, pur conservando la struttura originale e il singolare mix di architettura tradizionale cinese e vietnamita. L’edificio, disposto su due piani, ci accoglie con innumerevoli sculture di animali, colonne laccate e pitture murali, mentre attorno alla pagoda sono disposte sedici sepolture a torre di importanti ed eminenti monaci. Ancora oggi, all’interno della pagoda, vengono utilizzati antichi strumenti per la celebrazione dei rituali, come un gong risalente all’Ottocento, campane da preghiera e altri oggetti sacri. La pagoda di Chuc Thanh è una sosta perfetta per chi è in giro nei dintorni della Città Vecchia di Hoi An.

Antica casa di Tan Ky

Cinque minuti a piedi dalla casa di Phung Hung e a poca distanza dal fiume Thu Bon, l’antica residenza della famiglia Tan Ky risale alla fine dell’Ottocento, quando fu costruita da un ricco mercante di origini vietnamite. L’architettura fonde elementi giapponesi e cinesi, come le colonne rastremate che sorreggono il soffitto, tipiche dell’architettura nipponica, o i poemi in caratteri cinesi presenti all’interno dell’abitazione. In quest’ultimo caso gli artigiani hanno dato il meglio di sé, con i caratteri incisi sui pannelli realizzati in foggia di uccelli in varie posizioni di volo. Un capolavoro unico, preservato dalla settima generazione della famiglia che ancora oggi possiede una delle più antiche abitazioni di Hoi An.

Tour culturale in Vietnam
Tour di 9 giorni che include l’antica città imperiale Huè

Tour culturale e Huè in Vietnam

Spiagge di Hoi An e mare nel Vietnam centrale

Spiaggia di An Bang

La spiaggia di An Bang si trova a poco meno di tre chilometri dal centro di Hoi An. Sabbia bianca e acqua limpida a breve distanza dal centro storico. L’atmosfera è rilassata e regala scorci di quotidiane attività come le barche da pesca che all’alba e al tramonto prendono la via del mare. Lungo la spiaggia ci sono attrezzature per gli sport acquatici, così come sdraio e ombrelloni e una generosa quantità di locali dove mangiare con vista sul mar Cinese meridionale.

Spiaggia An Bang - Hoi An, Vietnam
Spiagge di Hoi An: la spiaggia An Bang

Spiaggia di Cu Dai

Particolarmente apprezzata dalle famiglie vietnamite, la spiaggia di Cu Dai offre ogni tipo di comfort per una vacanza speciale. A partire dalle allettanti proposte gastronomiche, il pesce fresco è a dir poco delizioso e a giochi acquatici per bambini e adulti. Pur essendo piuttosto affollata, la spiaggia di Cu Dai regala un’atmosfera localcon famiglie del posto, parecchio rilassate e un’incantevole scenario con gli alberi di palma alle nostre spalle e l’immensità del mare di fronte a noi.

Spiaggia di Ha My

Tra il centro storico di Hoi An e la cittadina di Da Nang, a nord, la spiaggia di Ah My è il luogo perfetto per rilassarsi e staccare la spina. Sabbia bianca e brezza di mare a rinfrescare il clima tropicale e la suggestione di un paesaggio circondato da palme, dove i turisti sono pochi e si ha la sensazione di trovarsi in un luogo remoto. Eppure siamo a poca distanza dal centro storico di Hoi An, non lontano dalle Marble Mountains[4] e a un tiro di schioppo dai locali dove deliziarsi con la gastronomia locale. Se cercate un luogo dove riposare e godere del sole dei tropici, la spiaggia di Ah My è il posto che fa per voi!

Vietnam con estensione mare
11 giorni in Vietnam, con tappa a Hoi An ed estensione mare a Phu Quoc

Vietnam con estensione mare

5 cose da fare a Hoi An, Vietnam

Una passeggiata nel centro storico

Vagabondare nel centro storico è una delle esperienze più gratificanti che si possano fare a Hoi An. Molte zone sono pedonali e questo riduce il rischio di essere tirati giù da auto o motorini di passaggio. Le vie regalano suggestivi scorci del Fiume Tha Bon, mentre le lanterne appese ai muri degli edifici conferiscono alla Città Vecchia di Hoi An, un’atmosfera capace di intenerire anche gli animi più temprati. I tanti edifici storici, come la casa Tan Ky e quella di Phung Hung consentono di ammirare l’opulenza degli antichi mercanti locali e l’abilità di artigiani cinesi e vietnamiti. Se poi, tra una visita e l’altra nella Città Vecchia, vi dovesse venir fame, niente paura, perché lo street food vietnamita non ha nulla da invidiare alla più conosciuta cucina thailandese.

Centro storico di Hoi An
Centro storico di Hoi An

Un vestito su misura

Non che questa sia una delle priorità quando si organizza un viaggio nel Vietnam centrale, ma vale la pena considerare la possibilità, per chi decide di visitare Hoi An un paio di giorni, di farsi realizzare un abito su misura. Lo stile lo scegliete voi, tradizionale vietnamita, casual, oppure basta sfogliare uno dei tanti cataloghi di moda presenti nei negozi, indicare il modello che vi piace e indossarlo dopo 24 ore. Una vera e propria industria local di self service della sartoria, per cui la città di Hoi An è famosa in tutto il Vietnam. I prezzi sono vantaggiosissimi, con un’ampia scelta di tessuti, dalla delicatissima seta al fresco cotone.

Un negozio di vestiti a Hoi An
Un negozio di abbigliamento a Hoi An

Giro in bici tra le risaie

Esplorazioni in bici tra risaie e campi coltivati nei dintorni di Hoi An per apprezzare i ritmi lenti, dominati dalle stagioni, dei contadini locali. Gli itinerari si svolgono lungo il corso del fiume Thu Bon, attraversano l’isola di Duy Vinh, a pochi chilometri di distanza dalla Città Vecchia, immergendosi in un paesaggio rurale di incantevole bellezza.

Un assaggio di cucina locale

Tra le cose che vale la pena di fare a Hoi An troviamo l’immancabile street food e piatti deliziosi di una delle città gastronomiche del Vietnam. Il cao lau è il piatto da non perdere, visto che è proprio qui che ha avuto i natali. Noodle in brodo con l’aggiunta di maiale, verdure, germogli di soia, erbe varie e crostini di riso. In alternativa potreste optare per un delizioso mi quangcon spaghetti di riso, carne ed erbe aromatiche; oppure puntare su di un più raffinato e scenografico banh bao banh vacche ricorda, una volta preparato, i petali di una rosa. Sono solo alcune delle esperienze culinarie in una città che al pari della vicina Hué offre al viaggiatore alcune delle più gratificanti esperienze gastronomiche della cucina vietnamita.

Un assaggio di cucina locale a Hoi An: Cao Lau e Spring Roll
Un assaggio di cucina locale a Hoi An: Cao Lau e Spring Roll – Photo by Jpatokal CC BY-SA 3.0

Comprare una lanterna nella città delle lanterne

Lanterne colorate di tutti i tipi e dimensioni che dal tramonto conferiscono alla città un’atmosfera unica, illuminando vicoli e locali. Un souvenir ideale durante un viaggio in città, facile da trasportare e incredibilmente economico. Sarà pure banale, ma una volta a casa diventerà un ricordo importante del vostro tour culturale in Vietnam, per non dimenticare una delle città più affascinanti del Paese asiatico.

Lanterne nella città di Hoi An
Lanterne nella città di Hoi An

Hoi An: quando andare

Consigliamo di visitare la città di Hoi An nei mesi che vanno da metà gennaio ad aprile, quando si registrano temperature piacevoli, perfette per esplorazioni urbane e per godere delle tante spiagge nei dintorni della città. Durante questo periodo (stagione secca) il clima è mite e poco piovoso, l’afa è solo un ricordo dei mesi estivi con un’incidenza ridotta dell’umidità.

Il periodo compreso tra giugno e agosto coincide con la stagione più calda dell’anno, mentre i mesi più piovosi vanno da metà novembre fino a metà gennaio. Si tratta di indicazioni di massima che non tengono conto del cambiamento climatico in atto nel sud-est asiatico; per questa ragione invito gli aspiranti viaggiatori a contattarci direttamente all’indirizzo [email protected] per decidere insieme il periodo migliore in base all’itinerario scelto.

Immagini di Hoi An

Foto della campagna nei dintorni di Hoi An
La campagna nei dintorni di Hoi An
Lanterne di Hoi An
Lanterne di Hoi An
Hoi An, barche lungo il fiume Tha Bon
Hoi An, barche lungo il fiume Tha Bon
Cibo di Hoi An: il Mi Quang, un piatto originario della provincia di Quảng Nam
Il Mi Quang, piatto originario della provincia Quảng Nam – Photo by SauceSupreme CC BY 2.0
Hoi An di notte
Hoi An di notte
Città Vecchia di Hoi An
Nella Città Vecchia di Hoi An

Note

1 Hoi An, Storia, Wikipedia L’enciclopedia libera, 11 novembre 2020, da https://it.wikipedia.org/wiki/H%E1%BB%99i_An#Storia

2 Hoi An, Storia, Wikipedia L’enciclopedia libera, 11 novembre 2020, da https://it.wikipedia.org/wiki/H%E1%BB%99i_An#Storia

3 Tre Regni, Wikipedia L’enciclopedia libera, 11 novembre 2020, da https://it.wikipedia.org/wiki/Tre_Regni

4 Marble Mountains (Vietnam), Wikipedia (en), 11 novembre 2020, da https://en.wikipedia.org/wiki/Marble_Mountains_(Vietnam)

Pin It on Pinterest

Share This